memoria
Apre il sito della Provincia di Arezzo
Istituto/Museo AttivitÓ Luoghi Protagonisti Memoria Multimediale Libri Link Contatti Credits
Dario Polletti

Dario Polletti, marito di Modesta Rossi Era nato a Monte San Savino 12 aprile 1914, contadino, suonatore di fisarmonica e fantino.
Richiamato alle armi nel 1935 venne inviato a Ferrara nel 9░ Reggimento cavalleggeri. In quello stesso anno si sposa con Modesta Rossi, in attesa del primogenito. Dopo la ferma di 28 mesi, Dario Polletti viene richiamato nel '40 ed inviato al nord.
Nell'Esercito svolge funzioni di portaordini e, dopo l'otto settembre 1943, con una moto, un commilitone di Sesto Fiorentino e una tanica di benzina, affronta il viaggio dal Trentino verso casa.
A Modena, abbandona la motocicletta diventata troppo appariscente per le strade ingombre di tedeschi e, in abiti civili procurati da un contadino, prosegue il viaggio conservando la propria arma.
Dopo cinque giorni raggiunge Firenze e da qui Levane da dove, nascosto nel carro di un contadino, riesce ad arrivare a casa. Qui era atteso da Modesta, che all'epoca aveva giÓ i suoi cinque figli: Giovanni, nato nel 1935, Mario nel 1937, Silvano nel 1939, Gualtiero nel 1941 e, infine il piccolo Gloriano nel 1943.
Dario ignora il richiamo alle armi nella Repubblica di Sal˛ e si unisce ai partigiani che operano fra la Valdambra e la Valdichiana ed Ŕ spesso a casa dove Modesta, oltre ad accudire i cinque figli, trasforma la propria casa in un vero e proprio punto di riferimento per i combattenti: in casa Polletti-Rossi a Solaia si possono trovare alloggio, cibo, riposo ed amicizia. Modesta non si limita alla sola "sussistenza": come staffetta, percorre chilometri e chilometri a piedi ed in bicicletta, talvolta portando con sÚ il piccolo Gloriano.
Poi, il 29 giugno 1944, Modesta ed il piccolo Gloriano vengono massacrati dai tedeschi.
Nel dopoguerra Dario si risposa e muore a Monte San Savino il 23 maggio 2000.