memoria
Apre il sito della Provincia di Arezzo
Istituto/Museo AttivitÓ Luoghi Protagonisti Memoria Multimediale Libri Link Contatti Credits
 
Stemma di ArezzoCapoluogo della provincia, 384,53 kmq con 91.742 abitanti. ╚ situata a 296 m sulle pendici di un colle, al margine di un'ampia e fertile conca appenninica, che si apre alla convergenza di tre bacini vallivi, il Casentino, il Valdarno Superiore e la Val di Chiana. La cittÓ Ŕ cospicuo centro d'arte, di cultura e di numerosi e pregevoli monumenti d'arte medievale e rinascimentale, che ne fanno una delle mete turistiche pi¨ interessanti dell'Italia centrale.
LocalitÓ come S. Polo, S. Severo, Palazzo del Pero, Mulinaccio, rappresentano profonde ferite inferte alla popolazione da altrettante stragi.
La liberazione porta la data del 16 luglio 1944: il giorno precedente l'arrivo degli Alleati il Comitato di Liberazione aveva giÓ provveduto a nominare il sindaco della cittÓ nella persona del prof. Antonio Curina.

Le stragi:
Scheda  Zoom mappa  Arezzo carcere
Scheda  Zoom mappa  Fattoria di Badicroce
Scheda  Zoom mappa  Chiassa Superiore
Scheda  Zoom mappa  Meliciano
Zoom mappa  Montione
Scheda  Zoom mappa  Mulinaccio
Scheda  Zoom mappa  Muraglione
Scheda  Zoom mappa  Palazzo del Pero
Zoom mappa  Pietramala
Zoom mappa  Pomaio
Scheda  Zoom mappa  Rigutino
Scheda  Zoom mappa  San Leo
Scheda  Zoom mappa  San Polo
Scheda  Zoom mappa  Staggiano
 
Zoom Arezzo carcere Zoom Pietramala Strage di Arezzo carcere Zoom Fattoria di Badicroce Strage di Fattoria di Badicroce Zoom Chiassa Superiore Strage Chiassa Superiore Zoom Meliciano Strage di Meliciano Zoom Montione Zoom Mulinaccio Strage di Mulinaccio Zoom Pomaio Zoom Rigutino Strage di Rigutino Zoom Palazzo del Pero Strage di Palazzo del Pero Zoom San leo Strage di San leo Zoom San Polo Strage di San Polo Zoom Staggiano Strage di Staggiano Zomm Muraglione Strage di Muraglione